‘A VIA CRUCIS
Performance multimediale

Vittorio V Zollo

post_via_crucis_zollo2

Poetry Design:
Vittorio Zollo, Toi Giordani.
Graphic Design: 7OI

Durante la Via Crucis di un paesino incastonato nell’Appennino campano, Donna Berta e Donna Fortunata chiacchierano, a bassa voce, di tutto. Vittorio V Zollo origlia le loro conversazioni, miscelando la sontuosa iconografia del rito al balbettio sussurrato del gossip, in una performance vocale che fa tremare il sacro con i miasmi del dialetto sannita.

Sarebbe un grosso errore sottovalutare la modernità delle anziane signore che, una volta tornate a casa, ripercorrono la loro giornata attraverso Whatsapp. Zollo le spia anche lì… non lo fa per civetteria, ma lo fa come atto generoso nei nostri confronti: solo per fornirci una bussola visiva nella tempesta fonetica del dialetto.

Del resto, è quello che il poeta di San Leucio del Sannio cerca di fare di fare da sempre: creare un cortocircuito, attraverso la voce, nella linearità della poesia scritta.
Di solito si avvale di irruzioni fisiche, anche attraverso la corporeità.
In tempi di quarantena ha impugnato altre armi.


Grafiche realizzate a partire dalle opere:
Tintoretto, La Crocifissione – 1565
Giorgione, La Vecchia – 1506
Théodore Géricault, Alienata con monomania del gioco – 1820-24


Booking e contatti:
zoopalco@gmail.com
Instagram | Facebook

La performance è stata trasmessa il venerdì santo pre-pasqua 2020, durante il lockdown, in premiere sul canale youtube di Zoopalco.
Si consiglia la visione da dispositivi mobile.

a_via_crucis_zollo
vittorio_zollo